Antibagno: come gestire lo spazio!
ottobre 16, 2018 by ELENA - VogliaCasa.it

L’antibagno è il locale antistante al vano destinato a svolgere la funzione di servizio igienico, per molti è un perfetto sconosciuto, poiché non è un elemento tradizionale delle nostre abitazioni, ma oggi la sua presenza è obbligatoria sia nelle nuove costruzioni sia nelle ristrutturazioni quando la porta del bagno, in sua assenza, si apre direttamente su un locale della zona giorno.

E’ invece normalmente consentito prevedere un bagno, ad esempio in camera, senza dover per forza realizzare l’antibagno, solo se quello non è il bagno principale della casa e non da su una zona giorno.

Nonostante l’antibagno in fondo sia un locale abbastanza secondario della casa, è sorprendente la sua importanza e la sua funzionalità!

Può essere studiato per accogliere l’angolo lavanderia, arredato in stile per contenere cesti della biancheria, detersivi o essere utilizzato come scarpiera e ripostiglio.

Per chi invece vuole ovviare alla doppia porta ma rispettare in ogni caso la legge, può appellarsi a quelle pareti vetrate con apertura che separano ma non chiudono gli spazi in due ambienti.

Anche se la normativa vigente non indica le dimensioni precise, in molti regolamenti comunali è stabilito che tale locale debba misurare almeno 1 x 1,2 metri. Al suo interno vi si può collocare un mobile con lavabo, mentre i sanitari vanno opportunamente installati in uno spazio separato. Non è necessaria un apertura finestrata in entrambi i locali ma sarebbe meglio prevedere un punto di aereazione con un sistema di ventilazione forzata.

Comments are closed.

Categorie

RECENSIONI

Elena Boggia a Nole, TO, IT su Houzz
    Houzz

EVENTI

Antibagno: come gestire lo spazio!
ottobre 16, 2018 by ELENA - VogliaCasa.it

L’antibagno è il locale antistante al vano destinato a svolgere la funzione di servizio igienico, per molti è un perfetto sconosciuto, poiché non è un elemento tradizionale delle nostre abitazioni, ma oggi la sua presenza è obbligatoria sia nelle nuove costruzioni sia nelle ristrutturazioni quando la porta del bagno, in sua assenza, si apre direttamente su un locale della zona giorno.

E’ invece normalmente consentito prevedere un bagno, ad esempio in camera, senza dover per forza realizzare l’antibagno, solo se quello non è il bagno principale della casa e non da su una zona giorno.

Nonostante l’antibagno in fondo sia un locale abbastanza secondario della casa, è sorprendente la sua importanza e la sua funzionalità!

Può essere studiato per accogliere l’angolo lavanderia, arredato in stile per contenere cesti della biancheria, detersivi o essere utilizzato come scarpiera e ripostiglio.

Per chi invece vuole ovviare alla doppia porta ma rispettare in ogni caso la legge, può appellarsi a quelle pareti vetrate con apertura che separano ma non chiudono gli spazi in due ambienti.

Anche se la normativa vigente non indica le dimensioni precise, in molti regolamenti comunali è stabilito che tale locale debba misurare almeno 1 x 1,2 metri. Al suo interno vi si può collocare un mobile con lavabo, mentre i sanitari vanno opportunamente installati in uno spazio separato. Non è necessaria un apertura finestrata in entrambi i locali ma sarebbe meglio prevedere un punto di aereazione con un sistema di ventilazione forzata.

Comments are closed.

Categorie

RECENSIONI

Elena Boggia a Nole, TO, IT su Houzz
    Houzz

EVENTI