Ma quanto costa ristrutturare in Italia?
agosto 16, 2017 (No Comments) by ELENA - VogliaCasa.it

L’importanza dello stato delle ristrutturazioni in Italia rivela alcuni dati importanti sull’economia interna del nostro Paese. Puntare sulla riqualificazione degli edifici non è più un vantaggio esclusivo per il singolo cittadino e il proprio immobile, ma una questione che riguarda l’identità stessa dell’Italia, un punto di partenza per un futuro più prospero, sostenibile e sicuro.

A prova di ciò, si sta evolvendo una nuova forma edilizia, nata per fronteggiare i problemi dell’inquinamento, sempre più tangibili, la questione della sicurezza antisismica, argomento quanto mai attuale, la riduzione dei costi dei consumi energetici e la creazione di nuovi posti di lavoro.

Gli investimenti privati in lavoro edilizio sono infatti decisamente aumentati in questa ultima decade: si passa dai 58.609 milioni di euro investiti nel 2007 ai 69.425 del 2016. Questo aumento è ancora più significativo proprio perché avvenuto nei tempi della crisi: investire sulla riqualificazione edilizia significa fare un investimento sicuro che aumenta il valore del proprio patrimonio.

Vediamo quindi perché ristrutturare l’immobile può avere un effetto significativo sul valore del patrimonio. In base ad un’analisi sul valore delle case riqualificate rispetto a quelle non riqualificate, condotta tra il 2013 e il 2016, è emerso come gli immobili ristrutturati abbiano un valore superiore del 29% a quelle non ristrutturate.

Il valore di vendita medio di un immobile non ristrutturato è 233.250€; il suo valore dopo un intervento di ristrutturazione è di 299.000€. In questo scenario, grande importanza hanno gli incentivi fiscali che dal 2007 al 2016 sono aumentati del 40,7% creando 419mila posti di lavoro e aiutando concretamente gli italiani a intraprendere lavori di ristrutturazione su edifici pubblici e privati. Gli incentivi fiscali sono stati e continuano ad essere uno strumento efficace contro la crisi, infatti dal 2007 al 2016, gli investimenti in manutenzione straordinaria sono stati di 630 miliardi di euro, di cui 190 miliardi tra il 2016 e il 2017 sono stati investimenti attivati tramite gli incentivi fiscali.

Ma quanto costa ristrutturare in Italia? Analizzando la situazione su alcune città campione dislocate su tutto il territorio, a Roma una casa da ristrutturare viene messa in vendita a un prezzo pari di 306mila euro, con un costo di ristrutturazione pari a 38mila euro e un plusvalore del +20,6%. A Venezia invece per una casa da 220mila euro, la ristrutturazione media avrà un costo pari a 34mila euro con un plusvalore di +19,7%. Infine, a Napoli per una casa da 144mila euro, la ristrutturazione media avrà un costo pari a 30mila euro, per un plus valore di +17,8%.

Salva

Salva

Comments are closed.

MAGAZINE

Categorie

RECENSIONI

    Houzz

EVENTI

SHOP ON LINE

Ma quanto costa ristrutturare in Italia?
agosto 16, 2017 (No Comments) by ELENA - VogliaCasa.it

L’importanza dello stato delle ristrutturazioni in Italia rivela alcuni dati importanti sull’economia interna del nostro Paese. Puntare sulla riqualificazione degli edifici non è più un vantaggio esclusivo per il singolo cittadino e il proprio immobile, ma una questione che riguarda l’identità stessa dell’Italia, un punto di partenza per un futuro più prospero, sostenibile e sicuro.

A prova di ciò, si sta evolvendo una nuova forma edilizia, nata per fronteggiare i problemi dell’inquinamento, sempre più tangibili, la questione della sicurezza antisismica, argomento quanto mai attuale, la riduzione dei costi dei consumi energetici e la creazione di nuovi posti di lavoro.

Gli investimenti privati in lavoro edilizio sono infatti decisamente aumentati in questa ultima decade: si passa dai 58.609 milioni di euro investiti nel 2007 ai 69.425 del 2016. Questo aumento è ancora più significativo proprio perché avvenuto nei tempi della crisi: investire sulla riqualificazione edilizia significa fare un investimento sicuro che aumenta il valore del proprio patrimonio.

Vediamo quindi perché ristrutturare l’immobile può avere un effetto significativo sul valore del patrimonio. In base ad un’analisi sul valore delle case riqualificate rispetto a quelle non riqualificate, condotta tra il 2013 e il 2016, è emerso come gli immobili ristrutturati abbiano un valore superiore del 29% a quelle non ristrutturate.

Il valore di vendita medio di un immobile non ristrutturato è 233.250€; il suo valore dopo un intervento di ristrutturazione è di 299.000€. In questo scenario, grande importanza hanno gli incentivi fiscali che dal 2007 al 2016 sono aumentati del 40,7% creando 419mila posti di lavoro e aiutando concretamente gli italiani a intraprendere lavori di ristrutturazione su edifici pubblici e privati. Gli incentivi fiscali sono stati e continuano ad essere uno strumento efficace contro la crisi, infatti dal 2007 al 2016, gli investimenti in manutenzione straordinaria sono stati di 630 miliardi di euro, di cui 190 miliardi tra il 2016 e il 2017 sono stati investimenti attivati tramite gli incentivi fiscali.

Ma quanto costa ristrutturare in Italia? Analizzando la situazione su alcune città campione dislocate su tutto il territorio, a Roma una casa da ristrutturare viene messa in vendita a un prezzo pari di 306mila euro, con un costo di ristrutturazione pari a 38mila euro e un plusvalore del +20,6%. A Venezia invece per una casa da 220mila euro, la ristrutturazione media avrà un costo pari a 34mila euro con un plusvalore di +19,7%. Infine, a Napoli per una casa da 144mila euro, la ristrutturazione media avrà un costo pari a 30mila euro, per un plus valore di +17,8%.

Salva

Salva

Comments are closed.

MAGAZINE

Categorie

RECENSIONI

    Houzz

EVENTI

SHOP ON LINE