Classi di sicurezza dei portoni blindati
maggio 19, 2017 (No Comments) by ELENA - VogliaCasa.it

Per  scegliere al meglio la propria porta d'ingresso e in particolare dei portoncini blindati, bisogna capire quale grado di sicurezza possono offrire.

Gli esperti del settore, come il brand ALBA DOORS, del Gruppo Penta ci spiegano oggi cosa deve essere considerato, le normative che devono essere rispettate e tutte le informazioni inerenti l'argomento.

Solitamente  una porta blindata è dotata di una classe che ne certifica la qualità anti effrazione, secondo alcuni test eseguiti ad hoc su di essa. La normativa europea ENV 1627 e successive, stabilisce 6 livelli o classi di sicurezza e resistenza all’effrazione. Questi livelli sono diversi in base al tipo di serratura e ad altre caratteristiche, come l’isolamento termoacustico.

I tipi di prove

Per stabilire la classe di una porta blindata, questa è sottoposta a tre tipi di prove, secondo le norme europee in merito:

  1. resistenza al carico statico
  2. resistenza al carico dinamico
  3. resistenza all’attacco manuale

I macchinari utilizzati per le prove, effettuano simulazioni di vari tentativi di effrazione e in base ai risultati ottenuti. In questo modo si stabilisce la classe di resistenza della porta. Il livello minimo è rappresentato dal grado 1, in grado di resistere alla forza fisica dello scassinatore: spinte, spallate o poco più, mentre il livello massimo è rappresentato dai portoni utilizzati nelle banche, nelle gioiellerie e in edifici di massima sicurezza.

La normativa

Per descrivere i gradi di sicurezza la normativa fornisce queste descrizioni:

  • Classe 1 La porta resiste allo scassinatore che tenta tenta di forzare la porta con spinte, spallate, sollevamento, trazione; (non adatta come porta d’ingresso)
  • Classe 2 La porta resiste allo scassinatore che tenta di forzare la porta usando oltre a quanto usato nella classe precedente, anche attrezzi semplici, come cacciaviti, tenaglie, cunei; (adatta come porta di ingresso “protezione sufficiente”)
  • Classe 3 La porta resiste allo scassinatore che tenta di forzare la porta usando, oltre a quanto usato nelle classi precedenti, altri attrezzi come piede di porco; (adatta come porta d’ingresso “protezione ottima”)

  • Classe 4 La porta resiste allo scassinatore esperto, che usa oltre a quanto usato nelle classi precedenti, anche martelli, seghe, accette, scalpelli e trapani a batteria; (adatta come porta d’ingresso “protezione eccellente”)
  • Classe 5 resiste a uno scassinatore esperto, che usa anche attrezzi elettrici, come trapani, seghe, mole, etc; una porta di classe 5 è adatta per banche, gioiellerie, ambienti militari, ambasciate;
  • Classe 6 LA porta resiste a uno scassinatore elettrico che usa anche attrezzi elettrici ad alta potenza; una porta di classe 6 è adatta a banche, gioiellerie, impianti nucleari, ambienti militari, ambasciate.

 

In generale, per proteggere un appartamento in condominio è necessaria una classe 2. Se si possiedono molti beni di valore e l’appartamento è signorile, è necessaria una porta anche di classe 3. Per abitazioni unifamiliari e villette invece sono consigliate le classi 3 e 4.

Non tutte le abitazioni, infatti, necessitano dello stesso livello di protezione. La scelta della porta è condizionata dai fattori di rischio effettivo di quella particolare abitazione, anche a seconda di cosa vi è in essa contenuto.

www.albadoors.it

Comments are closed.

Categorie

RECENSIONI

    Houzz

EVENTI

SHOP ON LINE

Classi di sicurezza dei portoni blindati
maggio 19, 2017 (No Comments) by ELENA - VogliaCasa.it

Per  scegliere al meglio la propria porta d'ingresso e in particolare dei portoncini blindati, bisogna capire quale grado di sicurezza possono offrire.

Gli esperti del settore, come il brand ALBA DOORS, del Gruppo Penta ci spiegano oggi cosa deve essere considerato, le normative che devono essere rispettate e tutte le informazioni inerenti l'argomento.

Solitamente  una porta blindata è dotata di una classe che ne certifica la qualità anti effrazione, secondo alcuni test eseguiti ad hoc su di essa. La normativa europea ENV 1627 e successive, stabilisce 6 livelli o classi di sicurezza e resistenza all’effrazione. Questi livelli sono diversi in base al tipo di serratura e ad altre caratteristiche, come l’isolamento termoacustico.

I tipi di prove

Per stabilire la classe di una porta blindata, questa è sottoposta a tre tipi di prove, secondo le norme europee in merito:

  1. resistenza al carico statico
  2. resistenza al carico dinamico
  3. resistenza all’attacco manuale

I macchinari utilizzati per le prove, effettuano simulazioni di vari tentativi di effrazione e in base ai risultati ottenuti. In questo modo si stabilisce la classe di resistenza della porta. Il livello minimo è rappresentato dal grado 1, in grado di resistere alla forza fisica dello scassinatore: spinte, spallate o poco più, mentre il livello massimo è rappresentato dai portoni utilizzati nelle banche, nelle gioiellerie e in edifici di massima sicurezza.

La normativa

Per descrivere i gradi di sicurezza la normativa fornisce queste descrizioni:

  • Classe 1 La porta resiste allo scassinatore che tenta tenta di forzare la porta con spinte, spallate, sollevamento, trazione; (non adatta come porta d’ingresso)
  • Classe 2 La porta resiste allo scassinatore che tenta di forzare la porta usando oltre a quanto usato nella classe precedente, anche attrezzi semplici, come cacciaviti, tenaglie, cunei; (adatta come porta di ingresso “protezione sufficiente”)
  • Classe 3 La porta resiste allo scassinatore che tenta di forzare la porta usando, oltre a quanto usato nelle classi precedenti, altri attrezzi come piede di porco; (adatta come porta d’ingresso “protezione ottima”)

  • Classe 4 La porta resiste allo scassinatore esperto, che usa oltre a quanto usato nelle classi precedenti, anche martelli, seghe, accette, scalpelli e trapani a batteria; (adatta come porta d’ingresso “protezione eccellente”)
  • Classe 5 resiste a uno scassinatore esperto, che usa anche attrezzi elettrici, come trapani, seghe, mole, etc; una porta di classe 5 è adatta per banche, gioiellerie, ambienti militari, ambasciate;
  • Classe 6 LA porta resiste a uno scassinatore elettrico che usa anche attrezzi elettrici ad alta potenza; una porta di classe 6 è adatta a banche, gioiellerie, impianti nucleari, ambienti militari, ambasciate.

 

In generale, per proteggere un appartamento in condominio è necessaria una classe 2. Se si possiedono molti beni di valore e l’appartamento è signorile, è necessaria una porta anche di classe 3. Per abitazioni unifamiliari e villette invece sono consigliate le classi 3 e 4.

Non tutte le abitazioni, infatti, necessitano dello stesso livello di protezione. La scelta della porta è condizionata dai fattori di rischio effettivo di quella particolare abitazione, anche a seconda di cosa vi è in essa contenuto.

www.albadoors.it

Comments are closed.

Categorie

RECENSIONI

    Houzz

EVENTI

SHOP ON LINE